Dettagli Prodotto

MONTEPULCIANO D’ABRUZZO COLLINE TERAMANE DOCG RISERVA

27,00

Vino da meditazione, super strutturato, complesso nei profumi e nel corpo. L’ossigenazione è necessaria: si consiglia la stappatura 4/5 ore prima della consumazione.

Confronta
Categorie: ,

Condividi questo prodotto

Denominazione:MONTEPULCIANO D’ABRUZZO COLLINE TERAMANE RISERVA Denominazione di origine protetta / DOCG

Gradazione Alcolica: 15% VOL

Contenuto: 750

Annata: 2010

Descrizione

Denominazione: Montepulciano d’Abruzzo colline teramane Denominazione di Origine Controllata e Garantita Riserva.

Uva: Montepulciano 100 %.

Altitudine: 210 m s.l.m.

Terreni: medio impasto.

Vigneto: filare, guyot semplice.

Vendemmia: Raccolta manuale, ultima decade di Ottobre previa selezione uve in vigneto.

Vinificazione: l’uva privata del proprio raspo, viene trasportata all’interno di serbatoi di cemento. Il pigiato viene avviato alla fermentazione che è svolta a temperatura controllata con picchi che raggiungono i 30° C. La macerazione si protrae per circa un mese dopo la fine della fermentazione, con la movimentazione quotidiana della massa attraverso rimontaggi manuali. Dopo la svinatura, si lascia “riposare” per circa 7 mesi in serbatoi d’acciaio, per poi permettere l’evoluzione naturale del vino, facendolo maturare in botti grandi di legno di rovere per 24 – 36 mesi. L’affinamento in bottiglia avviene per circa un anno.

Note di degustazione: vino da meditazione, super strutturato, complesso nei profumi e nel corpo. L’ossigenazione è necessaria: si consiglia la stappatura 4/5 ore prima della consumazione.

Cibo & vino: da bere da solo con cioccolata e sigaro o accostato a carni rosse e selvaggina.

In particolare consigliamo di abbinarlo al seguente piatto tipico: agnello scottadito.

Prima annata di produzione: 2006.

 

L’etichetta: simbolo per la quercia di un’amicizia nuova, una ritrovata e altre confermate. L’omaggio a Mastro Melchiorre Bono, scalpellino abruzzese, artista minore, poco noto come tanti altri, fondamentale nell’arricchimento della cultura del territorio.